Trizio Consulting

Coronavirus. I test non attendibili in Cina

Coronavirus. I test non attendibili in Cina

Il commerciante He Ximing nella città cinese di Wuhan afferma di non avere idea di come o dove abbia preso il coronavirus o perché i test ripetuti sull’acido nucleico abbiano dimostrato che non ce l’aveva.

Non era un paziente affetto da coronavirus, dissero i medici, anche se aveva avuto difficoltà a respirare con quella che descriveva come una sensazione di soffocare e la congestione del torace dall’inizio di febbraio.

Ma le sue condizioni preoccupavano le autorità, tanto da farlo mandare in un centro di quarantena.

Ma non riuscì però a togliersi il fastidioso sospetto di avere il coronavirus e alla fine di marzo andò in ospedale a Wuhan per altri test, incluso uno per gli anticorpi.

Questa volta è risultato positivo.

“Non me l’aspettavo”, ha detto il negoziante di 52 anni mentre mostrava ai giornalisti una copia dei suoi risultati del test – positivo per gli anticorpi che mostrano esposizione al coronavirus.

Alla fine, almeno, aveva una spiegazione del perché si sentisse così male. “Mi sembrava di morire. Non puoi immaginare come ci si sente.”

Il suo caso non è unico. Esempi simili in Cina e altrove hanno aggravato la preoccupazione per l’accuratezza dei test sul coronavirus, anche se le autorità spingono per i test come chiave per gestire la crisi.

Test inaffidabili potrebbero minare le strategie non solo per fermare il virus ma per aprire economie bloccate, mentre la pressione aumenta sui governi di tutto il mondo per allentare le restrizioni.

Più di 2,5 milioni di persone sono state infettate dal coronavirus a livello globale e circa 177.000 sono morte.

Wuhan, dove il nuovo coronavirus è emerso alla fine dell’anno scorso, ha registrato 50.333 casi e 3.869 decessi al 21 aprile, rappresentando la maggior parte dei casi della Cina.

I test dell’acido nucleico, su campioni prelevati dalla parte posteriore della gola o del tratto respiratorio di un paziente, per il genoma del virus, sono il modo principale in cui vengono rilevati i casi.

Il test non è facile da amministrare e, dicono gli esperti, e si verificano errori, ad esempio se viene prelevato un campione troppo piccolo o se il tampone non rileva un punto colpito da virus.

I limiti di questi test devono essere riconosciuti e la necessità di eseguire test regolari se vogliamo essere certi che qualcuno sia veramente negativo e che rimangano così per un periodo di tempo“, ha affermato Andrew Preston, docente di patogenesi microbica presso l’Università di Bath.

C’è scarso consenso su quale percentuale di test sull’acido nucleico produca falsi negativi.

Un sondaggio condotto da medici cinesi a febbraio su campioni di 213 pazienti ha suggerito un tasso di falsi negativi di circa il 30%.

I media hanno anche riportato casi di persone che si sono dimostrate ripetutamente negative prima di ottenere finalmente un risultato positivo.

A febbraio, il quotidiano People’s Daily ha riferito di una donna che si era ammalata di polmonite ma che era risultata negativa per il coronavirus quattro volte. Un quinto test è stato positivo.

Le autorità di Wuhan hanno iniziato a testare gli anticorpi nei residenti. La Cina sta conducendo un’indagine epidemiologica in nove regioni nel tentativo di determinare la portata delle infezioni asintomatiche e i livelli di immunità.

L’uomo intervistato è stato testato per la prima volta il 1° marzo quando la sua congestione toracica è peggiorata sebbene non avesse febbre o tosse.

I raggi X hanno mostrato che i suoi polmoni avevano macchie bianche, simili a quelle riscontrate nei pazienti con coronavirus, ma il suo test con l’acido nucleico non era positivo, quindi un ospedale ha rifiutato di ammetterlo.

Più tardi, altri due test ospedalieri sono risultati negativi.

Alla fine, il 28 marzo, fece un quarto test di acido nucleico, che era di nuovo negativo, ma fu anche testato per gli anticorpi e ha ottenuto una nuova conferma.

Ho raccontato la mia storia a un medico e mi ha detto ‘sei così fortunato che non sei morto‘”, ha detto nel suo appartamento, dove erano sparse scatole di varie medicine.

Sua moglie, con la quale vive da solo, non ha mostrato sintomi di coronavirus sebbene non sia stata sottoposta a test.