Bezos e le foto con l’amante. L’Enquirer nega estorsioni

Bezos e le foto con l’amante. L’Enquirer nega estorsioni

Il National Enquirer non ha commesso né estorsioni né ricatti minacciando di pubblicare foto intime del CEO di Amazon Jeff Bezos, lo ha comunicato un avvocato dell’Ad della casa madre del tabloid.

Elkan Abromowitz, un avvocato dell’amministratore delegato di American Media Inc., David Pecker, ha detto che una “fonte affidabile” ben nota a Bezos e alla sua amante ha fornito la storia della relazione extraconiugale del miliardario.

Bezos ha detto che l’AMI ha minacciato di pubblicare le sue foto private a meno che non smettesse di indagare su come l’Enquirer avesse ottenuto i suoi incontri privati ​​con la sua amante, l’ex conduttrice televisiva Lauren Sanchez, e dichiarasse pubblicamente che l’inchiesta da parte dell’Enquirer non fosse politicamente motivata. Bezos tra l’altro possiede anche The Washington Post.

Gli investigatori di Bezos hanno suggerito che la pubblicazione della notizie della sua relazione extraconiugale da parte dell’Enquirer è stata guidata da una motivazione prettamente politica, visto che Bezos contrasta fortemente il presidente Donald Trump.

Ma durante un’intervista con “This Week” della ABC, Abramowitz ha difeso la gestione di tutta la faccenda da parte del tabloid come parte di una negoziazione legale standard.

“Penso che sia Bezos che l’AMI avessero interesse nel risolvere i loro problemi”, ha detto Abramowitz. “Non è assolutamente un crimine chiedere a qualcuno di dire semplicemente la verità. Dì la verità che questo non era politicamente motivato e non ci saranno altri problemi. “

L’affare di Bezos divenne pubblico quando l’Enquirer pubblicò la storia il 9 gennaio sulla sua relazione con Lauren Sanchez, anch’essa sposata. Bezos assunse quindi una squadra di investigatori privati ​​per scoprire come i giornali avessero ottenuto i messaggi e le foto scambiate tra i due.

Gli investigatori personali di Bezos, guidati dal suo consulente di sicurezza Gavin de Becker, si sono concentrati sul fratello di lei, Michael Sanchez un sostenitore di Trump e un conoscente degli alleati di Trump, Roger Stone e Carter Page.

Abramowitz non ha voluto commentare quando gli è stato chiesto se Michael Sanchez fosse la fonte dell’Enquirer, ma ha affermato che “Bezos e la signora Sanchez sapevano chi fosse la fonte”.

Michael Sanchez ha rifiutato di parlare, e in un tweet del 31 gennaio, ha affermato che De Becker “diffonde teorie cospirative conservatrici false”.

Negli ultimi mesi, il tabloid ha riconosciuto l’assistenza alla Casa Bianca di Trump con una donazione di $ 150.000 per la storia di Karen McDougal e di una presunta relazione con Trump. L’azienda ha poi bloccato la pubblicazione fino a dopo le elezioni del 2016.

Lo scorso anno, Michael Cohen, avvocato e truccatore personale di Trump, si è dichiarato colpevole di aver aiutato a mediare quella transazione.