Lo scricchiolio di una foglia | ExpoitalyOnline

Lo scricchiolio di una foglia

 

Lo scricchiolio di una foglia

Lo scricchiolio di una foglia

Ha tentato di sgranchirsi, ha tentato di respirare profondamente, ha tentato di camminare. Niente, niente ha portato vitalità nelle sue radici, perchè tutto questo? Purtroppo lei lo sa, non crede più, non crede alla bontà, non crede alla volontà, non crede più al bene!

Perchè? Perchè il male, l’egoismo, l’ingordigia, hanno preso il sopravvento… si è proprio così. E allora?

E allora si è lasciata andare, non vuole vivere se vivere vuol dire cattiveria. Ogni giorno stragi, suicidi, assassinii avvolgono il mondo come una nube nera. No, non disperare, povera foglia gialla, raggrinzita, delusa… c’è qualcosa che non è morto: l’altruismo!

Chiediamo aiuto all’albero che crede ancora. E l’albero fa ondeggiare la chioma verde, sorride: “Io so come salvare quella foglia, che ha perso ogni speranza nella bontà. Ogni giorno passa sopra di me una nuvoletta rosa, chiara, sorridente: è l’altruismo. Eccola, arriva felice, dona alcune gocce di bontà, di acqua per la foglia che non crede più, rinsecchita dal pessimismo, no non lasciarti andare, l’Umanità è viva, la bontà non è stata sconfitta.

Le piccola gocce scendono verso la foglia che beve, beve felice. Il male non ha vinto, ancora una volta la fratellanza, la bontà ha prevalso. La cattiveria vinta, non parla più. La foglia avvizzita riacquistato il suo colore, piena di clorofilla, si rialza, è viva, ed è pronta a vivere per se stessa, ma quel che più conta, per l’Umanità tutta.

La fratellanza ha salvato ancora una volta il mondo. L’albero sorride, guarda l’orizzonte e fa finta di niente, mentre il suo cuore ha un sussulto di gioia.

Giada Ray


Articoli correlati

Italia, amore mio

Non amare la terra che ti ha dato i natali è contro natura, ma andarle contro, cercare di distruggerla, vendendola

I due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre finalmente in Italia

Salvatore Girone torna a casa. La svolta nella lunga vicenda giudiziaria che si trascina da più di quattro anni, con

Reato di depistaggio e inquinamento processuale. E’ legge

L’articolo unico dell’A.C. 559-A, introduce nel codice penale la nuova fattispecie delittuosa di “depistaggio e inquinamento processuale”, riscrivendo l’art. 375