Trizio Consulting

Violenza sulle donne e pandemia Covid19

Violenza sulle donne e pandemia Covid19
Trizio Consulting

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La premessa della giornata è aumentare la consapevolezza del fatto che le donne in tutto il mondo sono soggette a stupro, violenza domestica e altre forme di violenza; inoltre, uno degli obiettivi della giornata è evidenziare che la portata e la vera natura del problema sono spesso nascoste.

Storicamente, la data si basa sull’assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, attiviste politiche nella Repubblica Dominicana; gli omicidi furono ordinati dal dittatore dominicano Rafael Trujillo. il 25 novembre è diventato quindi una bandiera come giorno per combattere e sensibilizzare di violenza contro le donne più in generale; il 17 dicembre 1999, la data ha ricevuto la sua risoluzione ufficiale delle Nazioni Unite (ONU).

L’ONU e l’Unione Interparlamentare hanno incoraggiato governi, organizzazioni internazionali e ONG a organizzare attività per sostenere la giornata come osservanza internazionale. Ad esempio, UN Women (l’Entità delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere e l’emancipazione delle donne) osserva il giorno ogni anno e offre suggerimenti ad altre organizzazioni per celebrarlo. Per il 2014, l’attenzione si concentra su come la violenza attraversa tutte le 12 aree critiche di preoccupazione della Dichiarazione di Pechino e della Piattaforma d’azione, che compirà 20 anni l’anno prossimo.

Nel 1995, 189 governi si sono riuniti a Pechino. Hanno adottato una piattaforma d’azione che enunciava strategie chiave per porre fine alla violenza contro le donne, responsabilizzare le donne e raggiungere l’uguaglianza di genere. Le promesse sono valide ancora oggi. Insieme dobbiamo fare del 2020 l’anno che segna l’inizio della fine della disuguaglianza di genere. Ora è il momento di agire.

Gli esperti delle Nazioni Unite sui diritti umani ha invitato “tutti gli Stati e le parti interessate pertinenti in tutto il mondo a prendere misure urgenti per prevenire la pandemia di femminicidio o uccisioni di genere di donne e violenza di genere contro le donne, attraverso l’istituzione di organismi nazionali di prevenzione multidisciplinare o orologi di femminicidio / osservatori sulla violenza contro le donne”.

Quegli organismi dovrebbero essere incaricati di raccogliere dati comparabili e disaggregati sul femminicidio o sulle uccisioni di donne legate al genere; condurre un’analisi dei casi di femminicidio per determinare le carenze e raccomandare misure per la prevenzione di tali casi; e garantire che le vittime non siano dimenticate, tenendo giorni di ricordo.

Secondo i dati raccolti dal 2015 attraverso l’iniziativa Femicide Watch e i dati disponibili dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine ( UNODC ), “tra le vittime di tutte le uccisioni intenzionali che coinvolgono partner intimi, più dell’80% delle vittime sono donne”. 

Omicidi prevenibili

Negli ultimi cinque anni, un numero crescente di Stati ha istituito iniziative contro il femminicidio e, in un numero crescente di paesi, sono istituzioni indipendenti per i diritti umani, organizzazioni della società civile, gruppi di donne o istituzioni accademiche che hanno istituito orologi o osservatori.

Nella sua dichiarazione all’incontro ad alto livello nel 25 ° anniversario della quarta conferenza mondiale sulle donne lo scorso ottobre, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un’azione positiva per prevenire la violenza contro le donne, incluso il femminicidio.

I dati raccolti dagli osservatori dovrebbero essere comparabili da paese a paese e disaggregati “in categorie di partner intimi e femminicidi legati alla famiglia, sulla base di età, disabilità, identità di genere, status di migrante, sfollamento interno, origine razziale o etnica e appartenenza a comunità indigene o a una minoranza religiosa o linguistica ”, conclude il comunicato.

I Relatori Speciali, Esperti Indipendenti e Gruppi di Lavoro fanno parte di quelle che sono conosciute come le  Procedure Speciali  del Consiglio dei  Diritti Umani . Lavorano su base volontaria; non sono dipendenti delle Nazioni Unite e non ricevono uno stipendio. Sono indipendenti da qualsiasi governo o organizzazione e servono a titolo individuale.

La violenza e la pandemia

Dallo scoppio del COVID-19, i dati e le relazioni emergenti di coloro che sono in prima linea hanno dimostrato che tutti i tipi di violenza contro donne e ragazze, in particolare la violenza domestica, si sono intensificati.

Questa è la pandemia ombra che cresce durante la crisi del COVID-19 e abbiamo bisogno di uno sforzo collettivo globale per fermarla. Poiché i casi di COVID-19 continuano a mettere a dura prova i servizi sanitari, i servizi essenziali, come i rifugi per la violenza domestica e i numeri di emergenza, hanno raggiunto il limite. È necessario fare di più per dare la priorità all’affrontare la violenza contro le donne nella risposta al COVID-19 e negli sforzi di recupero.

Ognuno ha un ruolo da svolgere.

UN Women fornisce informazioni aggiornate e supporta programmi vitali per combattere la pandemia ombra della violenza contro le donne durante COVID-19.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.