Mi sento chiusa in gabbia come un uccellino

Mi sento chiusa in  gabbia come un uccellino

Quanto orrore, quanta crudeltà, quanta prepotenza, quanti soprusi, tutto è possibile!

E la povera gente subisce. Inutile piangere, inutile disperarsi, non serve a niente. Da piccola mia mamma mi diceva sempre: “Se fai la brava avrai un premio”. Adesso si può ben dire se sei onesto, se lavori per mantenere te e la tua famiglia sei un galantuomo, se curi e ami i tuoi bambini, sei una brava mamma.

E poi? Il poi non c’è più, i tempi sono cambiati: l’onesto vive di sacrifici con quei pochi soldi che guadagna onestamente e il furbone comanda, decide e se la gode, perchè lui ci ha saputo fare, perchè lui è ricco e quindi è lui che comanda.

E allora sento una mano che mi afferra e mi chiude, contro la mia volontà, in una gabbia; cosa cerchi di più dalla vita? Hai da mangiare, bevi e ti puoi anche lavare e puoi dormire.

E così addio a tutti i sogni miei, a che vale essere onesti? E dalle sbarre della gabbia vedo un albero, un bellissimo albero tutto verde di clorofilla e fra i rami degli uccellini, cinguettano, sono felici, perchè sono liberi.

E tu uccellino fortunato va a dire al cielo, al mare, ai monti che la felicità non è essere brava gente, ma godere la libertà, la libertà di poter dire: Io sono una creatura libera perchè sono onesta, nonostante tutto.

Giada Ray


Articoli correlati

Caccia alla foca. Eschimesi la difendono con un barbecue

Difendere la caccia alle foche con un metodo quanto mai chiaro ed esplicativo: un barbecue di carne di foca. Gli

Il coniuge cambia sesso? Per la cassazione il matrimonio resta valido

Succede in Emilia, dove una coppia sposata con nozze concordatarie aveva ricevuto un reclamo di cessazione dell’unione in seguito alla “domanda

Lampedusa. Il film con Claudio Amendola che racconta la tragedia

Sta per arrivare in televisione una nuova fiction prodotta da Rai Uno che avrà come protagonista principale il noto attore