Google Lens, la fotocamera riconosce gli oggetti

Google Lens, la fotocamera riconosce gli oggetti

Durante la conferenza annuale di sviluppatori Google I/O, il CEO Sundar Pichai ha dato inizio all’evento lanciando il nuovo prodotto: Google Lens.

Google word lens introducono l’intelligenza artificiale con potenzialità di calcolo basate sulla visione che mira a rendere la vita più facile.

Cosa fa Google Lens

Con Google Lens, Google Assistant sarà in grado di identificare gli oggetti del mondo che ti circonda e di eseguire azioni basate sulle diverse applicazioni di Google.

Ad esempio, Google Lens può aiutarti a identificare la qualità un fiore che stai guardando usando la ricerca di immagini di Google, oppure fornirti suggerimenti sui ristoranti basandosi sulla tua posizione in Google Maps.

Il servizio di Google Lens sembra molto ambizioso e versatile. Scott Huffman, vicepresidente dell’ingegneria di Assistant, ha detto di aver utilizzato Google Lens per tradurre il cartello di una strada giapponese e per identificare un cibo che non aveva riconosciuto.

Alcune delle caratteristiche sono ancora più complesse e utili. Se si desidera connettersi al WiFi dal telefono, bisogna solamente puntare la fotocamera alle credenziali di protezione e Assistant farà il resto del lavoro.

Per ora Google Lens è disponibile solo per Google Photos e Google Assistant.

In attesa di maggiori sviluppi possiamo vedere video: https://youtu.be/Y2VF8tmLFHw della presentazione

 


Articoli correlati

Fabio Arpe fotogallery. La biografia, la carriera in Arpe Group

Fabio Arpe. La fotogallery della settimana dedicata ad un imprenditore con un’esperienza di oltre trentanni nel campo economico, ha lavorando

Renzi: “Berlusconi potrebbe rivivere per masochismo sinistra”

Il premier Matteo Renzi ha dichiarato nei giorni scorsi che solo la parte “masochista” della sinistra italiana può far rivivere

Russiagate, Congresso convoca Facebook, Twitter e Alphabet

Le commissioni Intelligence della Camera e del Senato Usa hanno invitato i rappresentanti di Facebook, Twitter e Alphabet a comparire