Svapo. 450 casi di malattia in America. Ancora un mistero la causa

Svapo. 450 casi di malattia in America. Ancora un mistero la causa

Esperti, medici e funzionari sanitari americani hanno avvertito il pubblico dei pericoli dello svapo o sigarette elettroniche e hanno scoraggiato l’uso dei dispositivi in ​​quanto il numero di persone con una grave malattia polmonare legata allo svapo è più che raddoppiato fino a 450 possibili casi in 33 stati e il numero di morti è aumentato.

Il Dipartimento della Salute dell’Indiana ha annunciato il terzo decesso e funzionari del Minnesota hanno confermato la morte di una quarta persona. Il Dipartimento della sanità della contea di Los Angeles sta indagando su un quinto decesso e un medico ha dichiarato che “lo svapo è una probabile causa potenziale“. Altri due decessi, uno nell’Illinois e l’altro nell’Oregon, erano stati precedentemente annunciati.

Le sigarette elettroniche inizialmente servivano a smettere di fumare

Esiste chiaramente un’epidemia che richiede una risposta urgente“, ha scritto il dott. David C. Christiani della Harvard TH Chan School of Public Health in un editoriale pubblicato sul New England Journal of Medicine.

L’editoriale ha invitato i medici a scoraggiare i loro pazienti dall’uso di sigarette elettroniche e ad uno sforzo più ampio per sensibilizzare l’opinione pubblica sugli “effetti dannosi dello svapo”.

Funzionari dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno fatto eco a tale appello.

Mentre questa indagine è in corso, le persone dovrebbero considerare di non utilizzare prodotti per sigarette elettroniche“, ha affermato la dott.ssa Dana Meaney-Delman, che sta conducendo le indagini del CDC sulla malattia.

Il recente aumento di malattie polmonari acute legate allo svapo ha acuito le preoccupazioni sulla sicurezza dei dispositivi. Le sigarette elettroniche avevano lo scopo di aiutare i fumatori a smettere di fumare sigarette tradizionali fornendo un modo per soddisfare una dipendenza dalla nicotina senza le tossine mortali che derivano dalla combustione del tabacco.

Ma nel 2018, lo svapo tra gli adolescenti americani è esploso. Un gran numero di giovani che non avevano mai fumato hanno iniziato a usare le sigarette elettroniche. Sono stati particolarmente attratti dai dispositivi eleganti realizzati e commercializzati da molte case. Un sondaggio del 2018 ha rilevato che il 21% degli studenti più anziani delle scuole superiori aveva usato la sigaretta elettronica nei precedenti 30 giorni, rispetto all’11% dell’anno precedente.

La moda dello svapo ha preso tra i giovanissimi

Ora i giovani si sono ammalati di un nuovo tipo di malattia polmonare. I funzionari del CDC ritengono che alcuni elementi “chimici” siano coinvolti come causa scatenante, ma non hanno identificato un unico “dispositivo, prodotto o sostanza” responsabile, ha dichiarato il dott. Meaney-Delman.

Il Dr. Christiani ha scritto nell’editoriale del New England Journal che non è ancora chiaro quali sostanze stiano causando il danno polmonare. I fluidi per sigarette elettroniche da soli contengono “almeno sei gruppi di composti potenzialmente tossici“, ha scritto, ma ha notato che molti dei pazienti hanno anche svapato sostanze estratte dalla marijuana o dalla canapa. Il misto di sostanze chimiche potrebbe persino creare nuove tossine, ha suggerito il dott. Christiani. La rivista ha anche pubblicato uno studio su due gruppi di 53 casi in Wisconsin e Illinois.

Quelli che sembravano casi sparsi all’inizio di questa estate sono diventati un vero e proprio problema per la salute pubblica, lasciando gravemente malati adolescenti e giovani adulti altrimenti sani.

Il primo caso della misteriosa malattia polmonare, in Illinois, è arrivato ad aprile, la sindrome è emersa prima della metà di giugno.

I pazienti studiati nell’Illinois e nel Wisconsin erano in genere “sani, giovani, con un’età media di 19 anni e la maggioranza erano uomini”, ha dichiarato la dott.ssa Jennifer Layden, responsabile medico e epidemiologo del Dipartimento di sanità pubblica dell’Illinois. Un terzo aveva meno di 18 anni.

L’articolo di giornale sui pazienti dell’Illinois e del Wisconsin diceva che il 98 percento era ricoverato in ospedale, la metà richiedeva l’ammissione al reparto di terapia intensiva e un terzo aveva così tanti problemi respiratori che dovevano essere utilizzate macchine per farli respirare.

L’ottantaquattro percento aveva svapato un prodotto che includeva il THC, la sostanza chimica ad alta induzione della marijuana. Il dott. Layden ha spiegato che la maggioranza di loro ha utilizzato anche un “prodotto a base di nicotina”.

Sigarette elettroniche e Cannabis

Le bobine di riscaldamento nei dispositivi di svapo potrebbero rilasciare particelle metalliche che potrebbero essere inalate.

Il focus della nostra indagine si sta restringendo ma deve ancora affrontare domande complesse“, ha affermato Ileana Arias, vicedirettore sostituto del CDC per le malattie non infettive. Ha aggiunto: “Stiamo lavorando instancabilmente e incessantemente“.

Mitch Zeller, direttore del Center for Tobacco Products presso la Food and Drug Administration, ha affermato che si stanno sviluppando particolari preoccupazioni per i prodotti che sono manipolati dai rivenditori di vaporizzatori o manomessi o mescolati dai consumatori stessi. Ha esortato i consumatori a non svapare prodotti acquistati per strada o che si sono fatti da soli.

Il Ministero della sanità americana ha sottolineato un punto fondamentale: l’ondata di malattie è un nuovo fenomeno e non solo il riconoscimento di una sindrome che potrebbe essere in via di sviluppo da anni.

Lo stato dell’Indiana ha confermato un terzo decesso per una grave malattia polmonare legata allo svapo poco prima che i funzionari del Minnesota confermassero un quarto. Il paziente, che aveva 65 anni, aveva una storia di malattia polmonare, ma i funzionari statali hanno affermato che la sua lesione polmonare acuta era collegata allo “svapare i prodotti THC (cannabinoidi) illeciti”.

I funzionari della contea di Los Angeles, in California, hanno indagato su una dozzina di segnalazioni di malattie polmonari legate allo svapo, incluso un decesso. Un paziente deceduto era “un adulto con patologie croniche sottostanti. Ma chiaramente lo svapo è una probabile causa potenziale” ha dichiarato il dott. Muntu Davis, ufficiale sanitario presso il Dipartimento della sanità pubblica della contea di Los Angeles.

La maggior parte dei casi riguardava adolescenti e giovani adulti, ma un terzo erano adulti di mezza età e anziani, ha affermato il dott. Davis. Dei 12 pazienti, 11 erano noti per aver svapato i prodotti THC, ha detto.

Il dottor Davis ha aggiunto: “È saggio stare alla larga dalle sigarette elettroniche finché non capiamo quali sono le cause delle malattie”.

I pazienti affetti dalla malattia, in genere, si sono presentati in pronto soccorso con respiro corto dopo diversi giorni di sintomi simili all’influenza, inclusa la febbre alta.

In un caso particolarmente grave nello Utah, un uomo di 21 anni aveva un danno polmonare così grave che persino tramite macchinari non era in grado di fornire un aiuto respiratorio sufficiente. I medici hanno dovuto collegarlo a una macchina che pompava ossigeno direttamente nel suo flusso sanguigno per tenerlo in vita.

Il fluido dei suoi polmoni conteneva globuli bianchi pieni di grasso, non derivato dalle sostanze che aveva vaporizzato, ma più probabilmente una sorta di detriti dalla rottura del suo tessuto polmonare.

“Pensavo che sarebbe morto”, ha detto il dott. Callahan. “Continuavo a pensare che questi prodotti sono purtroppo rivolti a giovani e ragazzi, e abbiamo bisogno di una rapida legge per vietare queste cose.”

Il paziente è sopravvissuto ed è tornato a casa dopo due settimane in ospedale.

È troppo presto per dire se le persone con lesioni da svapo si riprenderanno completamente o se avranno un danno polmonare permanente, ha detto il dott. Callahan.

Un elemento preponderante di queste malattie è la presenza di Thc nello svapo. Non è ancora accertato che la causa sia l’utilizzo di cannabinoidi ma è molto probabile che l’alta temperatura dello svapo produca tossine.

A New York, dove 34 persone si sono ammalate, stanno analizzando otto casi che hanno mostrato alti livelli di un composto chiamato vitamina E acetato. Gli investigatori si stanno concentrando sulla possibilità che la sostanza oleosa possa svolgere un ruolo chiave nella malattia.

Tuttavia, alcuni degli oltre 100 campioni di svapo esaminati dal governo federale non sono risultati positivi per la vitamina E acetato, quindi quel composto rimane solo una delle molte possibili cause dell’infiammazione polmonare.