L’Inghilterra vuole un secondo referendum sulla Brexit

L’Inghilterra vuole un secondo referendum sulla Brexit

Più di due anni dopo che i cittadini britannici hanno votato per lasciare l’Unione Europea, i politici del Regno Unito non riescono ancora ad essere d’accordo su quale tipo di Brexit vogliono. Ora più legislatori chiedono un ritorno al passato, un secondo referendum che potrebbe potenzialmente invertire i risultati del primo.

Circa 150 membri del Parlamento sostengono la necessità di un nuovo voto, tra cui laburisti, nazionalisti scozzesi e una manciata di deputati conservatori.

Questo numero però è ancora lontano dai circa 320 necessari per far passare una richiesta per un altro referendum.

Inoltre, non è chiaro su cosa dovrebbero votare i cittadini britannici. Un ballottaggio potrebbe chiedere se vogliono invertire la decisione del 2016 di lasciare l’UE. In alternativa, si potrebbe chiedere ai cittadini britannici se supportano un accordo che il primo ministro Theresa May ha negoziato stabilendo i termini in base ai quali il Regno Unito lascia l’UE o se preferirebbero andarsene senza un accordo negoziato.

Ma sempre più legislatori ritengono che sia necessario un referendum per sbloccare una situazione di stallo in Parlamento, che sembra non essere in grado di fare alcun accordo di divorzio sulla Brexit.

Il primo ministro Theresa May ha ripetutamente respinto l’idea di proporre un altro referendum sull’Europa, affermando che sarebbe molto dannoso per la democrazia britannica. “Questo rischia di dividere nuovamente il paese“, ha detto al Parlamento “Dovremmo sforzarci di riunire le diverse idee“.

Coloro che sostengono la necessità di un nuovo referendum dicono che i britannici non sapevano cosa comportasse veramente la Brexit quando hanno votato per lasciare l’UE nel 2016. Ora che i termini sono più chiari dovrebbero essere invitati a votare di nuovo.

Questa non è la Brexit che è stata promessa“, dice Jo Johnson, un parlamentare conservatore che ha recentemente lasciato il governo per protestare contro l’accordo per far uscire il Regno Unito dall’Unione Europea. “Ecco perché abbiamo bisogno di un altro voto.”

Johnson vuole rimanere nell’UE. Suo fratello maggiore ed ex ministro degli Esteri Boris Johnson è un importante sostenitore della campagna nel Regno Unito di rompere questo stallo.

Gli inglesi hanno votato dal 52% al 48% per lasciare l’UE nel 2016. Attualmente, il 53% sostiene di rimanere nell’UE, secondo una media di sei sondaggi d’opinione recenti compilati dal sito What UK Thinks. I sondaggisti, tuttavia, avvertono con insistenza che c’è stata una svolta decisiva nell’opinione pubblica, dal momento che nessuna delle due parti si è definitivamente allontanata e la maggior parte dei sondaggi ha un margine di errore di 3-4 punti percentuali. Un recente sondaggio di ComRes ha dato il sostegno pubblico a un altro voto sulla Brexit al 40%.

Il primo ministro May, che sta combattendo per strappare ulteriori concessioni da Bruxelles sui termini del ritiro della Gran Bretagna, presenterà il suo disegno di legge a metà gennaio.

Se il parlamento esaurirà le opzioni Brexit, dovranno sostenere un altro referendum per evitare di uscire dall’UE a marzo senza alcun accordo che disciplini i termini delle sue relazioni economiche con il suo maggiore partner commerciale, dice l’ex primo ministro britannico Tony Blair. “Quando si esclude l’impossibile, ciò che rimane, per quanto improbabile, è la risposta“, dice.

Jo Johnson deputato propenso ad un nuovo referendum sulla Brexit

La campagna un tempo marginale per un “People’s Vote” ha attratto il sostegno delle celebrità, tra cui l’autrice di Harry Potter JK Rowling e tre dei primi cinque ex primi ministri britannici, John Major, Blair e Gordon Brown. (David Cameron non ha dichiarato la sua opinione).

Questo sta diventando più di un potenziale risultato“, afferma Grieve.

Ma il percorso per un secondo referendum è complesso. Se l’accordo di May venisse respinto, il governo potrebbe chiedere un referendum per farla avanzare. Ma per il governo, quella sarebbe l’ultima risorsa.

In alternativa, un emendamento che richiede un altro referendum potrebbe anche essere allegato alla successiva legislazione relativa alla Brexit. Lo scenario finale: se il Parlamento fosse ancora in fase di stallo dopo la votazione di gennaio sulla Brexit una coalizione di deputati potrebbe riunirsi per chiedere un nuovo referendum per evitare di lasciare l’UE senza un accordo.

Il fatto che un quorum di politici britannici possa disfare la Brexit non è inimmaginabile. Quasi tre quarti dei parlamentari hanno sostenuto di rimanere nell’UE durante il referendum del 2016.

Qualunque sia la strada che verrà intrapresa, la sua probabilità di successo aumenterebbe se il principale partito laburista ora all’opposizione, lo sostenesse.

Gli esperti dell’University College di Londra stimano che ci vorranno 22 settimane per organizzare un altro referendum, anche se alcuni deputati dicono che potrebbe essere fatto più rapidamente. Funzionari europei hanno detto che altri governi dell’UE probabilmente accetteranno di posticipare la data di uscita prevista dalla Gran Bretagna il 29 marzo per consentirne l’esecuzione.

Ci sono tre opzioni possibili per la domanda di scheda elettorale: l’accordo del Primo ministro May, nessun accordo o nessuna Brexit.

Nessun referendum britannico ha mai dato più di due opzioni, quindi non è garantito che il voto includa un’opzione per rimanere nell’UE.

Né è evidente che le persone non farebbero la stessa scelta del 2016: lasciare l’Unione. “Almeno sarà una decisione più informata“, dice il giovane Johnson.


Articoli correlati

Morte di Davide Astori: il pubblico ministero apre le indagini

I pubblici ministeri hanno aperto un’indagine di routine sulla morte del capitano della Fiorentina e della nazionale, Davide Astori. Il

Legge anticorruzione, si della Camera. Il testo integrale

La corruzione nel nostro Paese è da sempre un grandissimo problema, qualcosa che ha distrutto e inquinato la crescit e

Federica Pellegrini. Storia e record della campionessa italiana

Federica Pellegrini è una nuotatrice italiana, nata a Mirano (Venezia) il 5 agosto 1988. Detiene il record mondiale nel 200