La lunga marcia dei migranti

La lunga marcia dei migranti

Sono partiti da lontano, dai confini dell’Ungheria e in massa, pacificamente, ma senza paura sono arrivati al confine austriaco.

Sono centinaia i migranti che hanno sfidato i tentativi di “registrazione” personale a Budapest e hanno iniziato a camminare verso il confine.

Gli Stati dell’Unione europea stanno discutendo per accordarsi su come trattare questo aumento senza precedenti dei migranti.

Coloro che viaggiano a piedi sono stati tra i migliaia accampati fuori dalla rete ferroviaria di Keleti a Budapest, mentre un altro gruppo è fuggito lungo i binari ferroviari a Bicske, a ovest della capitale ungherese, da un treno fermato dalla polizia.

Chi  ha viaggiato con quelli che camminano lungo la strada principale verso Vienna, ha detto che c’è la paura tra i migranti di essere arrestati e non invece mandati al confine come dicevano le autorità ungheresi.

L’Ungheria, insieme con la Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta Venerdì scorso per opporsi al sistema di quote europee sui migranti.

La Croce Rossa ha detto che secondo le stime da 800 a 1.500 persone potrebbero  arrivare in uno dei centri di migranti nelle prime ore di Sabato.

In una dichiarazione del ministero dell’Interno austriaco  si annunciava la possibilità di chiedere asilo in Austria.

L’Ungheria è diventata una nazione di transito importante per le persone in fuga dal Medio Oriente e l’Africa, cercando di raggiungere il nord e l’ovest dell’Europa.

 


Articoli correlati

Oxfam denuncia: la Francia maltratta i bambini immigrati

Bambini migranti che non hanno genitori e non più grandi di 12 anni vittime di maltrattamenti da parte di guardie

Documento sulla “Fratellanza Umana” firmato da Sua Santità Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar Ahamad al-Tayyib

La fede porta il credente a vedere nell’altro un fratello da sostenere e da amare. Dalla fede in Dio, che

Bambini lasciati soli in macchina. Proposta di legge Meloni per contrastare il fenomeno

Ci sono stati casi, l’ultimo pochi giorni fa, che hanno portato alle cronache gli incidenti in cui vittime sono stati