Enrico Berlinguer. La biografia

Enrico Berlinguer. La biografia

Enrico Berlinguer è considerato il leader più popolare del Partito comunista italiano, lo ha guidato come segretario nazionale dal 1972 fino alla sua morte. La sua guida ha attraversato un periodo di tensione nella storia d’Italia, segnato dagli anni di piombo e dai conflitti sociali come l’autunno caldo del 1969-1970.

Allontanò il partito dall’influenza del Partito Comunista dell’Unione Sovietica e perseguì una linea moderata, riposizionando il partito all’interno della politica italiana e sostenendo la collaborazione e l’unità nazionale.

Questa strategia è stata definita Eurocomunismo ed è stato in pratica il suo portavoce principale. Verrà adottato dagli altri importanti partiti comunisti dell’Europa occidentale, in Spagna, Portogallo e in seguito la Francia, il suo significato cementò i nuovi partiti comunisti del 1977 con un incontro a Madrid tra Berlinguer, Georges Marchais e Santiago Carrillo.

Lo stesso Berlinguer descrisse il suo modello di socialismo “alternativo”, distinto sia dal blocco sovietico che dal capitalismo praticato dai paesi occidentali durante la guerra fredda, come terza via sebbene il suo uso del termine non abbia alcuna relazione con la terza via più centrista praticata negli anni a venire.

Il maggior successo del Pci

Sotto Berlinguer, il PCI raggiunse l’apice del suo successo politico, ottenendo importanti vittorie nelle elezioni regionali e locali del 1975 e il 34% dei voti nelle elezioni nazionali del 1976, la sua percentuale più alta di voti e numero di seggi.

Con questi risultati, ha negoziato il compromesso storico con la Democrazia Cristiana, prestando sostegno al loro governo in cambio di una consultazione sulle decisioni politiche e sulle riforme sociali. Prese una posizione ferma contro il terrorismo dopo il rapimento e l’omicidio di Aldo Moro e ha usato l’influenza del PCI per guidare i sindacati italiani verso la moderazione nelle richieste salariali al fine di far fronte al grave tasso di inflazione del paese dopo la crisi petrolifera del 1973.

Tuttavia, queste posizioni non sono state ricambiate con sufficienti concessioni da parte del governo di Giulio Andreotti, situazione che ha portato il PCI a lasciare la coalizione nel 1979. La combinazione di difesa dell’austerità, linea dura contro le Brigate Rosse e tentativi di un accordo con la DC ha influenzato il voto del PCI alle elezioni del 1979 e il compromesso è stato infine concluso nel 1980. Il PCI rimase in opposizione nazionale per il resto del mandato di Berlinguer, mantenendo un solido nucleo di sostegno alle elezioni del 1979 e del 1983, ma la sua forza principale da quel punto di vista rimase a livello regionale e locale.

La personalità di Berlinguer

Berlinguer aveva una personalità austera ed era modesto ma carismatico e nonostante le difficoltà che ha dovuto affrontare il PCI durante lo storico compromesso, è rimasto un politico popolare, rispettato per i suoi principi, la convinzione e le decisioni audaci. Ha caratterizzato il PCI come un partito onesto nella politica italiana devastata dalla corruzione, un’immagine che ha preservato la reputazione del partito durante vari scandali di corruzione. Fu definito da Patrick McCarthy come “l’ultimo grande leader comunista in Europa occidentale” e rimane identificato con le cause dell’Eurocomunismo, dell’opposizione alla repressione sovietica in Europa orientale e al cambiamento democratico in Italia.

La carriera politica

Figlio dell’avvocato Don Mario Berlinguer, Nobile e Cavaliere ereditario, antifascista e vicino alla massoneria (come molti intellettuali laici dell’epoca), ufficiale durante la Prima guerra mondiale. La madre era Mariuccia Loriga, Enrico Berlinguer è nato a Sassari il 15 maggio 1922 in un contesto culturale notevole, con legami familiari e contatti politici che avrebbero influenzato pesantemente la sua vita e carriera. Il suo cognome è di origine catalana, un ricordo del periodo in cui la Sardegna faceva parte dei domini della Corona d’Aragona.

I genitori di Enrico Berlinguer
I genitori di Enrico Berlinguer

Era cugino di Francesco Cossiga (che era un leader dei democristiani e in seguito divenne un presidente della Repubblica italiana) ed entrambi erano parenti di Antonio Segni, un altro leader Dc e presidente della Repubblica. Il nonno di Enrico, Enrico Berlinguer Sr., era il fondatore del quotidiano sardo La Nuova Sardegna e un amico personale di Giuseppe Garibaldi e Giuseppe Mazzini, che aveva aiutato nei loro tentativi attraverso il suo lavoro parlamentare per migliorare le tristi condizioni sull’isola.

Nel 1937 Berlinguer ebbe i suoi primi contatti con gli antifascisti sardi e nel 1943 entrò formalmente nel Partito Comunista Italiano, diventando presto segretario della sezione di Sassari. L’anno seguente scoppiò una rivolta in città e fu coinvolto nei disordini e arrestato, ma fu rilasciato dopo tre mesi di prigione.

Immediatamente dopo la fine della sua detenzione, suo padre lo portò a Salerno, la città in cui la famiglia reale e il governo si erano rifugiati dopo l’armistizio tra l’Italia e gli Alleati. A Salerno, suo padre lo presentò a Palmiro Togliatti, il leader più importante del Partito Comunista.

Togliatti rimandò Berlinguer in Sardegna per prepararsi alla sua carriera politica. Alla fine del 1944, Togliatti lo nominò alla segreteria nazionale dell’Organizzazione Comunista per la Gioventù (FGCI). Come segretario della FGCI, Berlinguer a un certo punto presentò Maria Goretti come esempio per gli attivisti, fu presto inviato a Milano e nel 1945 fu nominato membro del Comitato Centrale.

Nel 1946, Togliatti divenne il segretario nazionale (la più alta posizione politica) del PCI e chiamò Berlinguer a Roma, dove i suoi talenti gli permisero di entrare nella leadership nazionale solo due anni dopo (all’età di 26 anni, uno dei membri più giovani mai ammessi). Nel 1949, fu nominato segretario nazionale della FGCI, un incarico che mantenne fino al 1956. L’anno successivo, fu nominato presidente della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica. Nel 1957, Berlinguer, come membro della scuola centrale del PCI, abolì la visita obbligatoria in Unione Sovietica, ivi compresa la formazione politica in Russia, che fino ad allora era stata necessaria per l’ammissione alle posizioni più alte nel PCI.

Berlinguer, segretario del Pci

La carriera di Berlinguer lo stava ovviamente portando verso le posizioni più alte del partito. Dopo aver ricoperto molti incarichi di responsabilità, nel 1968 è stato eletto deputato per la prima volta nel distretto elettorale di Roma. L’anno seguente fu eletto vice segretario nazionale del partito (il segretario era Luigi Longo). In questo ruolo, prese parte alla conferenza internazionale del 1969 dei partiti comunisti a Mosca, dove la sua delegazione non era d’accordo con la linea politica “ufficiale” e si rifiutò di sostenere il rapporto finale.

La posizione inaspettata di Berlinguer ha fatto discutere: ha pronunciato il discorso più forte di un grande leader comunista mai sentito a Mosca. Rifiutò di “scomunicare” i comunisti cinesi e disse direttamente a Leonid Breznev la sua contrarietà rispetto l’invasione della Cecoslovacchia da parte dei paesi del Patto di Varsavia. Chiarì le notevoli differenze all’interno del movimento comunista su questioni fondamentali come sovranità nazionale, democrazia socialista e libertà di cultura.

Berlinguer e Breznev
Berlinguer e Breznev

Già leader di spicco del partito, Berlinguer fu eletto alla carica di segretario nazionale nel 1972, quando Luigi Longo si dimise per motivi di salute.

Nel 1973, dopo essere stato ricoverato in ospedale dopo un incidente d’auto durante una visita in Bulgaria (ora ampiamente considerato un tentativo sulla sua vita per ordini da Mosca), Berlinguer scrisse tre articoli famosi (“Riflessioni sull’Italia”, “Dopo i fatti del Cile “e” Dopo il colpo di stato [in Cile] “) per il settimanale del partito, Rinascita. In questi articoli ha presentato la strategia del cosiddetto compromesso storico, una proposta di coalizione tra il Partito Comunista Italiano e i Democratici Cristiani per concedere all’Italia un periodo di stabilità politica, in un momento di grave crisi economica e in un contesto in cui alcune forze estremiste avrebbero presumibilmente manovrato per un colpo di stato in Italia.

Le relazioni internazionali

L’anno seguente a Belgrado, Berlinguer incontrò il presidente jugoslavo Josip Broz Tito, al fine di sviluppare ulteriormente le sue relazioni con i principali partiti comunisti di Europa, Asia e Africa.

Nel 1976, Berlinguer confermò la posizione autonoma del PCI nei confronti del Partito Comunista Sovietico. Davanti a 5.000 delegati comunisti a Mosca, parlò di un “sistema pluralistico” (tradotto dall’interprete come “multiforme”), riferendosi alle intenzioni del PCI di costruire “un socialismo che riteniamo necessario e possibile solo in Italia“.

Quando alla fine Berlinguer si assicurò la condanna del PCI verso qualsiasi tipo di “interferenza”, la rottura con i sovietici fu effettivamente completata (anche se il partito ancora per alcuni anni ricevette denaro da Mosca). Dato che l’Italia stava subendo “l’interferenza” della NATO, i sovietici dissero che sembrava che l’unica interferenza che i comunisti italiani non potevano soffrire fosse quella sovietica. In un’intervista al Corriere della Sera, Berlinguer ha dichiarato di sentirsi “più sicuro sotto l’ombrello della NATO“. L’accettazione da parte di Berlinguer della NATO non ha intaccato il sospetto degli Stati Uniti nei suoi confronti: apparve sulla copertina di Time il 14 giugno 1976, è stato nominato “La minaccia rossa”.

Nel 1977 in una riunione a Madrid tra Berlinguer, Santiago Carrillo del Partito comunista spagnolo e Georges Marchais del Partito comunista francese, furono tracciate le linee fondamentali dell’Eurocomunismo. Alcuni mesi dopo, Berlinguer era di nuovo a Mosca, dove tenne un altro discorso che fu scarsamente ascoltato dai suoi ospiti e pubblicato da Pravda solo in una versione censurata.

La politica interna di Berlinguer

Muovendosi passo dopo passo, Berlinguer stava costruendo un consenso nel PCI verso un riavvicinamento con altri componenti della società. Dopo la sorprendente apertura del 1970 ai conservatori e la proposta ancora discussa del compromesso storico, iniziò una corrispondenza con monsignor Luigi Bettazzi, vescovo di Ivrea; ed è stato un evento sorprendente da quando Papa Pio XII aveva scomunicato i comunisti subito dopo la seconda guerra mondiale e la possibilità di qualsiasi relazione tra comunisti e cattolici sembrava molto improbabile.

Questo atto servì anche a contrastare l’accusa, comunemente e popolarmente espressa, secondo cui il PCI stava proteggendo i terroristi di sinistra, negli anni più duri del terrorismo in Italia. In questo contesto, il PCI ha aperto le sue porte a molti cattolici e ha avuto inizio un dibattito sulla possibilità di collaborazione. Nelle elezioni nazionali del giugno 1976, il PCI ottenne il 34,4% dei voti.

In Italia stava governando un cosiddetto “governo di solidarietà nazionale“, ma Berlinguer sosteneva che un governo di emergenza era necessario e un governo forte e potente poteva risolvere una crisi di gravità eccezionale. Il 16 marzo 1978, Aldo Moro, presidente del Partito Democratico Cristiano, fu rapito dalle Brigate Rosse, un gruppo terroristico di estrema sinistra, nel giorno in cui il nuovo governo avrebbe prestato giuramento davanti al parlamento.

Berlinguer e Aldo Moro
Berlinguer e Aldo Moro

Durante questa crisi, Berlinguer aderì al cosiddetto “Fronte della fermezza”, rifiutando di negoziare con i terroristi, che avevano proposto di liberare Moro in cambio del rilascio di alcuni terroristi imprigionati. Nonostante la ferma posizione del PCI contro il terrorismo, l’incidente di Moro ha lasciato il partito più isolato.

A giugno, il PCI diede la sua approvazione e infine il sostegno attivo a una campagna contro il presidente Giovanni Leone, accusato di essere coinvolto nello scandalo della corruzione Lockheed. Ciò ha comportato le dimissioni del Presidente. Berlinguer ha anche sostenuto l’elezione del partigiano socialista Sandro Pertini alla presidenza dell’Italia, ma la sua presidenza non ha prodotto gli effetti sperati dal PCI.

Dopo l’elezione di un nuovo presidente il governo si dimette. Il PCI si aspettava che Pertini usasse la sua influenza a loro favore, ma il Presidente fu influenzato da altri leader politici come Giovanni Spadolini del Partito repubblicano italiano e Bettino Craxi del Partito socialista italiano; e quindi il PCI rimase fuori dal governo.

Durante questi anni il PCI governò molte regioni italiane, a volte più della metà di esse. In particolare, i governi regionali dell’Emilia-Romagna e della Toscana sono stati una prova concreta delle capacità governative del PCI. In questo periodo, Berlinguer rivolse la sua attenzione all’esercizio del potere locale per dimostrare che “i treni potevano essere puntuali“. Ha partecipato personalmente alle campagne elettorali nelle province e nei consigli locali. Mentre altri partiti hanno inviato solo leader locali, questo ha aiutato il partito a vincere molte elezioni a questi livelli.

La rottura con l’Unione Sovietica

Nel 1980, il PCI ha condannato pubblicamente l’invasione sovietica dell’Afghanistan e Mosca inviò immediatamente Georges Marchais a Roma per cercare di allineare Berlinguer, ma è stato accolto con una freddezza percepibile. La rottura con i sovietici e altri partiti comunisti divenne evidente quando il PCI non partecipò alla conferenza internazionale dei partiti comunisti del 1980 tenutasi a Parigi. Invece, Berlinguer fece una visita ufficiale in Cina. A Salerno Berlinguer dichiarò che l’idea di un possibile compromesso storico era stata messa da parte e che sarebbe stata sostituita con l’idea di “alternativa democratica“.

Nel 1981, Berlinguer disse che secondo la sua opinione personale “la forza progressiva della Rivoluzione d’Ottobre era stata esaurita“. Il PCI ha criticato la “normalizzazione” della Polonia e molto presto la divisione del PCI con il Partito comunista sovietico divenne definitiva e ufficiale, seguita da una lunga polemica tra Pravda e L’Unità (il giornale ufficiale del PCI), polemica che non si spense nemmeno dopo un incontro con Fidel Castro a L’Avana.

La morte di Berlinguer

L’ultima importante affermazione di Berlinguer è stata una richiesta di solidarietà tra i partiti di sinistra. Il 7 giugno 1984, Berlinguer lasciò improvvisamente il palco durante un discorso ad un comizio a Padova: aveva avuto una emorragia cerebrale e morì quattro giorni dopo, l’11 giugno 1984. Più di un milione di cittadini parteciparono al suo funerale Piazza San Giovanni, uno tra i più grandi della storia italiana. Onorando la sua statura politica nel teatro italiano, i leader di tutti i partiti hanno reso omaggio alla sua carriera e persino il Vaticano ha espresso condoglianze. Anche il leader sovietico Gorbachev e il primo ministro cinese Zhao Ziyang hanno partecipato al suo funerale.

Sandro Pertini al funerale di Berlinguer

La morte di Berlinguer è avvenuta sei giorni prima delle elezioni italiane per il Parlamento europeo. Di conseguenza, il PCI ottenne un significativo voto di vicinanza e prese il maggior numero di voti mai avuti per l’unica volta nella storia italiana.

L’effetto di Berlinguer sulla politica

Berlinguer è stato descritto in molti modi, ma è stato generalmente riconosciuto per coerenza politica e coraggio, insieme a una rara intelligenza personale e politica. Uomo serio e moralmente rigoroso, è stato sinceramente rispettato anche dai suoi avversari e la sua agonia di tre giorni fu seguita con grande attenzione da tutti gli italiani. Ai suoi funerali hanno partecipato un numero impressionante di persone, forse tra le più alte mai viste a Roma.

L’atto politico più importante della sua carriera nel PCI fu senza dubbio la drammatica rottura con il comunismo sovietico, il cosiddetto strappo, insieme alla creazione di eurocomunismo e al suo sostanziale lavoro per il contatto con la parte moderata (e in particolare quella cattolica) della nazione.

Berlinguer aveva tuttavia molti nemici. L’opposizione all’interno del PCI sosteneva di aver trasformato un partito operaio in una sorta di club revisionista borghese. Gli avversari esterni hanno notato che lo strappo ha impiegato diversi anni per essere completato: questo è stato visto come prova che non vi era stata alcuna decisione definitiva in merito. Tuttavia, l’accettazione della NATO è generalmente vista come prova della vera autonomia della posizione del PCI.

Nonostante molti governi locali comunisti di notevole successo, gli sforzi di Berlinguer non sono riusciti a portare il PCI al governo. La piattaforma finale di Berlinguer, l'”alternativa democratica”, non fu mai realizzata. Entro un decennio dalla sua morte, l’Unione Sovietica, i Democratici Cristiani e il PCI scomparvero tutti, trasformando la politica italiana in un modo che probabilmente Berlinguer non ebbe mai modo di intravedere.

Soprannominato subito “il più amato” (a differenza di Togliatti che era “il migliore”), Berlinguer ebbe come successore alla guida del PCI Alessandro Natta.