Autobus si schianta nella metropolitana di Mosca uccide quattro persone

Autobus si schianta nella metropolitana di Mosca uccide quattro persone

Un autobus esce di strada a Mosca e finisce in un ingresso della metropolitana, lasciando quattro persone morte e 11 ferite, sul terreno.

Le immagini mostrano persone che fuggono dove possono mentre l’autobus corre giù sui gradini prima di essere fermato dal tetto del tunnel. L’incidente è avvenuto vicino alla stazione della metropolitana di Slaviansky Boulevard.

Non c’è alcuna indicazione che sia stato un attacco terroristico. Gli investigatori russi riferiscono che l’autista ha detto alla polizia che il veicolo ha iniziato a perdere la direzione e non ha più potuto tenerlo su strada. Ha provato a bloccare il mezzo ma i freni non avrebbero funzionato. L’incidente, secondo la polizia, è avvenuto a causa del ghiaccio.

Tutti quelli uccisi nell’incidente sono stati investiti dall’autobus, che era rimasto bloccato prima di raggiungere il marciapiede e cadere giù per i gradini del sottopassaggio. Tra le vittime una donna sulla trentina e un’adolescente. Funzionari della sanità hanno detto che due dei feriti erano in gravi condizioni.

L’agenzia di stampa Interfax ha riferito che l’autobus era nuovo e non aveva nemmeno un anno. Il sindaco di Mosca Sergei Sobyanin ha detto ai giornalisti sul posto che è stata ordinata un’ispezione dell’intera flotta di autobus di Mosca.

Non è chiaro se qualcuno delle persone che sono morte fosse dentro l’autobus quando si è schiantato. I filmati delle telecamere di sicurezza trasmessi dalla televisione russa hanno mostrato un gran numero di persone colpite dal bus mentre scendeva i gradini della stazione della metropolitana nella parte occidentale della città.

Un esame preliminare ha mostrato che l’autista dell’autobus era sobrio, anche se è stato comunque trattenuto dalla polizia.

Oggi è una normale giornata di lavoro a Mosca, dove il Natale ortodosso sarà celebrato il 7 gennaio.


Articoli correlati

Bezos e le foto con l’amante. L’Enquirer nega estorsioni

Il National Enquirer non ha commesso né estorsioni né ricatti minacciando di pubblicare foto intime del CEO di Amazon Jeff

Alitalia in vendita. Il decreto e i testi della discussione originali

E’ stata messa in vendita quando il governo in carica era ancora quello di Gentiloni, ma il decreto passato più

Whatsapp si aggiorna. Ora invia qualsiasi tipo di file

D’ora in poi con WhatsApp si potrà condividere ogni tipo di file o documento, non solo pdf, foto e video.