Amazon vuole il mercato della salute

Amazon vuole il mercato della salute

Amazon potrebbe entrare presto in quello che è forse l’unico mercato in cui ancora non è presente, quello della salute. Lo afferma l’emittente Usa Cnbc, che cita fonti informate, secondo cui l’azienda ha assunto un nuovo general manager per elaborare una strategia ed ha istituito un gruppo di lavoro, chiamato 1492, che si dedica proprio alle applicazioni in questo campo.

“Negli ultimi anni – aggiunge il sito di Cnbc – Amazon ha tenuto almeno un meeting per discutere l’ipotesi di entrare nel mercato dei farmaci”.

La compagnia ha da poco iniziato a vendere forniture mediche negli Usa, e sta assumendo esperti per essere sicura di soddisfare tutte le esigenze regolatorie, mentre in Giappone il servizio Prime consegna anche farmaci veri e propri. Altri settori in sviluppo sarebbero le cartelle cliniche elettroniche, gli appuntamenti online con i medici e servizi integrati con quelli che l’azienda già produce, come gli speaker ‘smart’ Echo.

Il gigante ecommerce, sarebbe già attiva per sviluppare tecnologie per “registrazioni mediche elettroniche”, telemedicina e nuove applicazioni Amazon Echo nel campo della Salute. Anche se Apple sia principalmente nota per smartphone, tablet e Mac, portatili e fissi, è fuori di dubbio che abbia preso sempre più spazio nel campo della salute fisica: Apple Watch ne è un esempio concreto. Anche l’applicazione Salute per iOS è un chiaro segnale di quali potrebbero essere i futuri interessi della Mela, che sempre più potrebbe affiancare servizi sanitari ai propri dispositivi.


Articoli correlati

Marco Bucci è il commissario per la ricostruzione del ponte Morandi

Dopo una telefonata tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti Palazzo Chigi

Referendum. Oggi l’Italia al voto: gli orari e le regole

Questa domenica 4 dicembre si vota dalle 7:00 alle 23:00 per il referendum costituzionale. Sono chiamati al voto circa 51

Promulgata la nuova legge elettorale

Poco più di un terzo dei deputati (231) eletti in collegi uninominali maggioritari, in cui i partiti si coalizzano, e gli