Whatsapp si aggiorna. Ora invia qualsiasi tipo di file

Whatsapp si aggiorna. Ora invia qualsiasi tipo di file

D’ora in poi con WhatsApp si potrà condividere ogni tipo di file o documento, non solo pdf, foto e video. La novità è contenuta nell’ultimo aggiornamento dell’applicazione già disponibile per gli smartphone Android, anche in Italia, e in arrivo anche per gli iPhone, secondo quanto riportato dal sito Engadget.

Gli utilizzatori di WhatsApp, oltre il miliardo nel mondo e 22 milioni in Italia, potranno inviare via chat qualsiasi tipo di documento, dai documenti di testo alle cartelle compresse. Le dimensioni del file, si legge sul sito della compagnia, non potranno superare i 100 Megabyte. Con l’aggiornamento l’applicazione semplifica anche l’invio di foto e video, mostrando la galleria di scatti del telefonino quando si apre la fotocamera. WhatsApp inoltre non comprimerà più le immagini condivise, ma le farà inviare nella qualità originaria. Mentre si scrive si avrà poi la possibilità di selezionare il testo e modificarlo in grassetto, corsivo o barrato.

Sono anche altre le novità attese di WhatsApp, di cui si è avuta qualche anticipazione dalla versione “beta”, non ancora definitiva, della chat. In particolare la funzione per cancellare un messaggio inviato ma non ancora letto dal destinatario. Un’opzione utile per i messaggiatori pentiti, mentre più controversa è quella che tiene traccia dei movimenti degli amici per facilitare appuntamenti ed eventi, possibile arma nelle mani di stalker e pedinatori.


Articoli correlati

Festival di Sanremo 2016. San Romolo proteggici tu

Inizia il Festival di Sanremo, tutti sono pronti a godersi lo spettacolo, che importa se una donna è morta per

Incidente in metro a Roma, ci sono feriti

Roma, 5 giugno – Alla fermata Eur Palasport della Linea metropolitana B di Roma è avvenuto questa mattina un incidente

Torino. Amatriciana pro terremotati avvelenata tra Pd e M5S

Mentre l’Italia cerca ogni mezzo per raccogliere fondi e dare aiuti alle popolazioni colpite dal sisma, a Torino anche la solidarietà diventa