Ecco i video pubblicitari su Facebook. Come funzioneranno | ExpoitalyOnline

Ecco i video pubblicitari su Facebook. Come funzioneranno

Ecco i video pubblicitari su Facebook. Come funzioneranno

Facebook lancia i video pubblicitari, con un meccanismo innovativo, e dividendo equamente i ricavi, lanciando una sfida a YouTube, che finora ha dominato il mercato degli annunci multimediali.

Ecco i video pubblicitari su Facebook. Come funzioneranno

Il management del social network ha spiegato che nelle prossime settimane sarà possibile per gli inserzionisti caricare dei video sponsorizzati sulla piattaforma: il meccanismo di funzionamento della pubblicità sarà però diverso da quello in vigore sul diretto concorrente, YouTube. Anzichè basarsi sulla riproduzione di video pubblicitari poco prima della partenza di un filmato, cosa che porta molto spesso al salto dell’annuncio non appena possibile, gli ads verranno inseriti fra la riproduzione di un filmato e un altro.

Facebook ipotizza infatti che molti utenti non si limitino a vedere un solo video ma una intera playlist e ritiene più opportuno proporre fra uno stacco e l’altro, alcuni elementi suggeriti, basati sulle preferenze, e gli annunci multimediali. I video pubblicitari partiranno automaticamente e con l’audio incorporato.

Di tutto quello che l’inserzionista pagherà per far visualizzare il suo video, il 45% sarà trattenuto da Facebook, mentre il restante 55% verrà equamente diviso fra l’autore del video precedente e il successivo, a seconda della porzioni di filmato che saranno state rispettivamente visualizzate dall’utente. Tuttavia, mentre su YouTube è necessario visualizzare 30 secondi di filmato pubblicitario per poter esigere un pagamento da parte dello sponsor (Twitter arriverà al 100%), Facebook si farà pagare dopo appena 3 secondi di visualizzazione dell’annuncio.

I primi esperimenti della nuova funzionalità sono partiti, coinvolgendo inserzionisti già attivi e paganti come Fox Sports, NBA e Funny or Die, ai quali non è stato ancora addebitato nulla, visto che i costi per usare il circuito video non sono ancora stati comunicati. A poter visualizzare gli annunci un ristretto gruppo di utenti iOS, mentre quelli che possiedono Android dovranno aspettare un pò di più.

La portata della novità è davvero imponente: Facebook ha 1.44 miliardi di utenti attivi, e si stima che sul portale in blu vengano visualizzati circa 4 miliardi di video ogni giorno, dove almeno un video parte ogni tre secondi da qualche parte del mondo. E il trend è in aumento: la riproduzione di multimediale su Facebook è quadruplicata nell’ultimo anno. Una decisa mossa nel tentativo di monetizzare l’enorme utenza di Facebook e una pericolosissima minaccia per YouTube, il più grande portale del web dedicato ai video che, di proprietà di Google, detiene attualmente una posizione di leadership nel mercato della pubblicità multimediale.

Finora Facebook, alle pressanti richieste di attivare un circuito del genere, aveva genericamente risposto che inserire i video nelle proprie pagine aziendali permetteva una maggiore attenzione e interazione da parte degli utenti.

Roberto Trizio

Roberto Trizio

Dopo una robusta preparazione in giornalismo scientifico e digitale, secondo le tecniche anglosassoni in forza ad USA Today, dirige i portali del gruppo ExpoItalyWeb. Su ExpoitalyOnline firma diversi approfondimenti di digital marketing.


Articoli correlati

Come misurare i risultati di una campagna sui social media

Avete fatto il grande passo di creare una campagna sui social per la vostra azienda. Ora però avete bisogno di sapere che

Arduino, la rivoluzionaria scheda elettronica Made in Italy

Arduino è una compagnia open-source produttrice di hardware e software; un progetto e una comunità di persone che disegnano pacchetti

Content Marketing. Le idee che funzionano meglio

Il content marketing – che poggia sulla creazione, pubblicazione e distribuzione di contenuti che attraggano, coinvolgano e catturino i clienti