Come fare remarketing con Google Analytics. Guida rapida | ExpoitalyOnline

Come fare remarketing con Google Analytics. Guida rapida

Come fare remarketing con Google Analytics. Guida rapida

Se usi abitualmente Google AdWords e Google Analytics, sei probabilmente consapevole che entrambi questi strumenti hanno funzionalità di remarketing, ciascuna con i propri punti di forza e di debolezza. Sarebbe bene usare entrambi per ottenere il massimo dalle opzioni di targeting.

In breve, il tag di Google AdWords Remarketing include anche il “Remarketing Lists for Search Ads” (RLSA), ovvero: potete incorporare nel tag una lista delle parole-chiave che usate per le vostre campagne adwords.

Come fare remarketing con Google Analytics. Guida rapida

Google Analytics vi permette di scegliere tra molte condizioni e/o sequenze basate sull’intera gamma di parametri presenti nella piattaforma dei report. Questo vi permette di creare un pubblico ben specifico e legare alla vostra strategia altri canali di marketing. Inizialmente, questo servizio era disponibile solo per le inserzioni display come i banner.

Un altro, potenzialmente enorme vantaggio di usare le liste di remarketing all’interno di Google Analytics è la possibilità di copiare e condividere velocemente le liste attraverso molteplici account. Prima, quest’operazione avrebbe richiesto l’implementazione di tag di Remarketing AdWords multipli; oggi può essere fatto, molto più semplicemente, all’interno di una singola interfaccia senza il bisogno di avere tag addizionali.

Finalmente, ecco le liste remarketing di Google Analytics!

Dopo una lunga attesa, lo staff di Google Analytics ha svelato la funzionalità RLSA, che è parte dell’opzione remarketing di Google Analytics. Diamogli un’occhiata.

google analytics

Lo strumento di Remarketing di Google Analytics

Cosa significa? Significa che, mentre state usando Google Analytics per fare remarketing, potete cominciare a creare un nuovo pubblico o potete usare un pubblico esistente per migliorare le vostre inserzioni di ricerca.

Potete anche rimuovere il tag di Google AdWords Remarketing dal vostro sito (oh-oh!). Questo si traduce in meno pixel sul vostro sito e velocità di caricamento più alta; in ogni caso, si consiglia di aspettare a farlo, almeno fino a quando il vostro pubblico Google Analytics-RLSA non abbia acquisito i 1000 utenti, necessari al sistema.

Forse gli staff di AdWords e Google Analytics dovrebbero creare uno strumento comune che possa combinare due diversi pubblici in uno solo. State ascoltando ragazzi?

Abilitare la funzione remarketing in Google Analytics

Per usare la funzione remarketing (per banner o per creare annunci testuali) avete bisogno di abilitarla. Ci sono diversi modi per farlo: andate su Impostazioni> Tracciamento > Raccolta Dati; oppure modificate il vostro codice di tracking. Se state usando il Google Tag Manager, quest’operazione è molto facile, basta un click.

Le restrizioni di Google Analytics e RLSA

Proprio come le liste di remarketing di Google AdWords, i vari tipi di pubblico di Google Analytics RLSA hanno una durata di vita massima di 180 giorni e devono accumulare almeno 1000 cookies prima di poter essere usati. Se avete scelto per i membri di un pubblico una durata superiore a quel valore, verrà automaticamente ridotta a 180 giorni. I 1000 cookies servono a mitigare le preoccupazioni dell’utente riguardo alla privacy.

rlsa audience

Anche se la convenienza di usare Google Analytics per fare remarketing consiste soprattutto nella possibilità di incorporare un ampio spettro di dati da fonti diverse, qualsiasi Google Analytics-RLSA basata sui seguenti parametri non sarà applicabile per il remarketing di ricerca (anche per questioni di privacy):

Parametri demografici:

  • età;
  • genere;
  • interessi.

Parametri demografici e tecnologici per Google Analytics:

  • lingua;
  • luogo di residenza (regione, continente, sub-continente, Paese, città);
  • sistema operativo;
  • versione del sistema operativo;
  • browser;
  • versione del browser;
  • risoluzione dello schermo;
  • colori dello schermo;
  • categoria del dispositivo;
  • cellulare;
  • tablet;
  • marca del cellulare;
  • modello del cellulare;
  • informazioni sul cellulare;
  • nome del cellulare sul mercato.

Oltre a queste restrizioni, per chi di voi fa targeting nell’Unione Europea, ce ne sono altre. Ecco qui la dichiarazione di Google dalla pagina di Google Analytics e il loro documento di supporto:

Riguardo al vostro uso delle liste di remarketing per le inserzioni di ricerca con Google Analytics, dovete cercare di ottenere il consenso dai vostri visitatori nell’UE, secondo le leggi correnti, per l’uso di cookies o di altre informazioni conservate dentro il dispositivo del visitatore e di ogni altra raccolta, uso o condivisione di dati.


Altre informazioni nella sezione “Aiuto” di Google Analytics.

Enrico Billi

Enrico Billi

Web Editor e giornalista freelance, amo curiosare un po' dappertutto, ma sempre scegliendo con cura le mie fonti. Ho viaggiato e vissuto in Australia e Spagna, dove ho insegnato inglese. Non so come sarò tra cinque anni: forse mi dedicherò all'agricoltura biologica o forse tornerò a fare la guida turistica; di certo continuerò a scrivere storie, perché al cuor non si comanda.


Articoli correlati

Aumentare il tasso di conversione usando la psicologia

Perché i consumatori comprano i vostri prodotti e non quelli della concorrenza? Il famoso consulente e autore Jack Trout una volta

Arduino, la rivoluzionaria scheda elettronica Made in Italy

Arduino è una compagnia open-source produttrice di hardware e software; un progetto e una comunità di persone che disegnano pacchetti

Come misurare i risultati di una campagna sui social media

Avete fatto il grande passo di creare una campagna sui social per la vostra azienda. Ora però avete bisogno di sapere che