Non dimenticare Bing per la pubblicità del 2017

Non dimenticare Bing per la pubblicità del 2017

Quasi tutti i nuovi inserzionisti pay-per-click invariabilmente iniziano con AdWords. Google detiene una quota dominante del volume di ricerca negli Stati Uniti e in Italia e persino il nome Google è sinonimo di ricerca online.

Tuttavia, gli inserzionisti esperti possono utilizzare gli annunci Bing per aumentare la copertura e le entrate.

Cerca solo Bing

Chi ha provato ad usare Bing Ads di solito ha due o tre eccezioni molto simili tra loro.  Alcuni dicono che è troppo difficile da gestire, altri dicono che il volume di ricerca è troppo basso, che può essere un punto di vista valido. Ma uno studio comScore del novembre 2016 ha scoperto che gli utenti su computer desktop hanno più probabilità di utilizzare Bing, non Google, per abbigliamento, elettronica di consumo, fiori e regali e giocattoli. Questo diventa ancora più vero se pensiamo al mondo anglosassone, che è molto più smaliziato verso Google e cerca alternative valide.

I dati di cui sopra sono solo per le ricerche desktop. Ciò dimostra che una vasta parte di consumatori che cercano su Bing per specifiche categorie di prodotti – abbigliamento, elettronica di consumo, fiori e giocattoli – non eseguono ricerche su Google. Pensiamo a tutti gli utenti che utilizzano Cortana, o tutti coloro che hanno Windows phone.

Gli utenti di Bing spendono di più

Quando si tratta di annunci PPC, il fatturato è quello che conta. Non importa quanto ben posizionati siano i tuoi annunci, o come venga ottimizzata la tua offerta. Se non fai vendite dagli annunci, sei in difficoltà. Bing in questo può aiutare.

Lo studio comScore ha scoperto che il pubblico di Bing Network è molto più propenso a spendere almeno € 500 su queste categorie: gioielli, abbigliamento femminile, arredo domestico, giocattoli e giochi non computer, elettronica di consumo e cosmetici. Se la tua azienda opera in uno di questi segmenti, la pubblicità su Bing potrebbe produrre ottime vendite.

Bing aggiunge nuova funzionalità

Bing spende molto tempo e sforzi per mantenere la parità con AdWords, ultimamente ha anche aggiunto nuove funzioni. Recentemente, ad esempio, Bing ha aggiunto un link “Negozio per” alla sua esperienza di ricerca sul desktop.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ci sono un paio di cose da ricordare riguardo allo screenshot precedente. In primo luogo, i risultati elencati sono tutti gli annunci PPC – Gli annunci dei prodotti sponsorizzati per essere specifici. Questi sono basati sui feed di prodotto che gli inserzionisti forniscono a Bing con criteri come Marca, Nome, Descrizione e Prezzo. Per apparire in questo tipo di acquisto, un inserzionista deve fornire le informazioni nel feed di prodotto.

Pertanto, quando aggiungete informazioni come Ean (il classico codice a barre) o Isbn (per i libri) e attributi specifici per i prodotti, gli elementi potrebbero essere ammessi a ricevere anche questo tipo di ricerche. Per l’esempio dell’iPhone, nella foto sopra, gli attributi specifici del prodotto includono prezzo, sistema operativo ed altre specifiche, in quanto queste sono le opzioni del filtro.

Questi tipi di annunci avranno un tasso di conversione più elevato a causa della loro natura mirata. Bing stima che questa esperienza incrementerà i click dal 2 al 3 per cento. Moltiplicati per milioni di ricerche durante la stagione delle prossime festività indicherebbero Bing Ads come un’opportunità imponente per gli inserzionisti.

L’inserzionista non paga niente per apparire nell’elenco. L’inserzionista paga solo se l’utente fa clic sul suo annuncio.

Insomma, Bing Ads potrebbe aiutare le aziende ecommerce a raggiungere i consumatori che non utilizzano Google.

Il sistema Mixer Marketing utilizza, tra gli altri, anche Bing Ads per i suoi annunci, è arrivato il momento del nuovo advertising


Articoli correlati

Le inserzioni su Twitter stanno per fare boom. Report

Twitter e i suoi annunci hanno un potenziale ancora inespresso, e la pubblicità su Twitter sta per esplodere. Secondo una

Aumentare il tasso di conversione usando la psicologia

Perché i consumatori comprano i vostri prodotti e non quelli della concorrenza? Il famoso consulente e autore Jack Trout una volta

Come fare remarketing con Google Analytics. Guida rapida

Se usi abitualmente Google AdWords e Google Analytics, sei probabilmente consapevole che entrambi questi strumenti hanno funzionalità di remarketing, ciascuna con i