G7, in Baviera l’incontro tra le potenze mondiali

G7, in Baviera l’incontro tra le potenze mondiali
Foto del G7 del 2015

G7: i rappresentanti delle potenze mondiali si incontrano

Baviera, 8 giugno – Il premier Matteo Renzi si dice soddisfatto dopo il primo incontro del G7, che si sta svolgendo in Baviera, presieduto dalla cancelliera Angela Merkel. In questa prima sessione dei lavori si è parlato di economia globale e a dominare è stata la necessità di una maggiore crescita e occupazione. Al summit sono presenti, tra gli altri, anche il presidente degli Stati Uniti Obama, il presidente della Commissione Europea Juncker, il presidente francese Hollande e il neo eletto Cameron.

La prima discussione sull’economia ha dato risalto alle riforme strutturali, alla crescita e agli investimenti, dando fine al periodo di austerity. In primo piano anche la posizione della Grecia, ritornata al centro delle attenzioni dopo il rifiuto di Tsipras ad accettare le condizioni di pagamento.

Ci sono però altri argomenti sul tavolo del G7, tra cui l’immigrazione. Serve un approccio strategico per non lasciare l’Italia da sola, cercando così soluzioni che possano rendere partecipe tutta l’Europa. Obama ha fatto riferimento sia ai mercati europei che alla situazione in Ucraina, che deve essere gestita aprendo il dialogo con la Russia. In questo ha trovato un forte alleato nella Germania, guidata da Angela Merkel, da sempre favorevole alla difesa dell’Ucraina.

Sembra che anche lo scandalo FIFA sarà al centro del tavolo in una delle giornate del G7, anche se non è ancora stata data conferma.


Tag assegnati a questo articolo:
Angela MerkelBarack ObamaEuropaG7Matteo Renzi

Articoli correlati

Arriva in Italia l’Apple Watch

Il 26 giugno arriverà in Italia l’Apple Watch, l’ultima creazione di casa Cupertino. Lo scorso 24 aprile è stato lanciato

Obama e Sanders sponsor di Hillary Clinton

Uniti per battere Donald Trump. E’ stato il leitmotiv della Convention democratica che si e’ aperta ieri a Filadelfia all’insegna

Brexit. No a nuovo referendum. Rimpasto tra i Labour

La Gran Bretagna non tornerà per nessun motivo al voto. Impossibile dunque l’ipotesi di una nuova consultazione elettorale dopo lo