Bonus cultura per 18enni come funziona | ExpoitalyOnline

Bonus cultura per 18enni come funziona

Bonus cultura per 18enni come funziona

In arrivo il bonus cultura di 500 euro destinato a chiunque abbia compiuto 18 anni nel 2016 o che comunque spegnerà le candeline da maggiorenne entro il prossimo 31 dicembre. Un bel regalino del governo di cui si potrà usufruire dal prossimo 15 settembre. Ma attenzione: questi soldi (un totale di 290milioni di euro che usciranno dalle casse dello Stato) possono essere spesi solo in beni o attività che abbiano a che vedere strettamente con la cultura.

Il cosiddetto “bonus cultura Renzi”, incentivo approvato dal DL Scuola per i nati nel 1998 che diventano maggiorenni quest’anno, diventa ufficialmente realtà. A poche settimane dal rientro a scuola, infatti, il premier ha annunciato la data di partenza e chiarito come funzionerà l’elargizione e la spesa dei soldi.

Il rinnovo del bonus per i diciottenni parte il 15 settembre: 500 euro, destinati a tutti coloro che hanno compiuto o compiranno 18 anni nell’anno solare 20016.  Una misura che riguarda 574mila giovani, italiani e stranieri muniti di regolare permesso di soggiorno. I soldi potranno essere utilizzati per acquistare libri, non solo quelli scolastici, ingressi a musei, cinema, teatri, mostre, concerti, visite archeologiche, fiere, eventi. La misura è stata inserita nell’ultima legge di stabilità, un esborso per le casse dello Stato del valore di 290 milioni di euro. Usufruire del bonus è facile. Bisogna fare richiesta online sul portale www.18app.it (oppure www.diciottapp.it.  Il primo passo però è la registrazione tramite uno dei cinque identity provider accreditati (Tim, Poste, Aruba, Infocert e Sielte). Questa registrazione consente il riconoscimento  dell’utente da parte dello Stato. Scarica la app.  Una volta ottenuto lo “Spid” (sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale) si potrà scaricare l’app 18app sul portale dedicato. Si forniscono i propri dati (residenza, cellulare, email), un plafond da 500 euro sarà erogato automaticamente. Sullo stesso portale sarà consultabile una bacheca curata dal ministero dei Beni Culturali con l’elenco degli indirizzi utili all’acquisto di servizi culturali: scegli l’evento, solo se e quando ne usufruirai il costo sarà scalato dal tesoretto dei 500 euro. Il voucher può essere utilizzato direttamente alla cassa della libreria o del cinema selezionati: in questo caso il voucher può essere semplicemente scaricato e stampato, oppure salvato sullo smartphone in forma di “qr code” o come “bar code” (codice a barre) ed esibito in loco.

I 500 euro concessi ai neo maggiorenni, attesi già negli scorsi mesi del 2016, potranno essere spesi per l’acquisto di libri scolastici e di lettura; visite alle mostre, ai musei e alle aree archeologiche; biglietti per il cinema, le fiere, i concerti e il teatro. L’iniziativa è volta ad aiutare soprattutto le famiglie con reddito basso che non fanno rientrare quasi mai nel bilancio le spese dedicate alle attività culturali dei figli.

La novità è l’estensione dell’incentivo ai 18enni stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno in corso di validità. Dopo una iniziale negazione, anche i nati nel 1998 non italiani potranno quindi accedere al bonus.


Articoli correlati

Istat, 40% lavoratrici precarie è mamma

Il lavoro precario, in termini tecnici ‘atipico’, è “più diffuso tra i giovani di 15-34 anni”, tanto che “circa 1

Francia al voto. Le Pen fa paura

In una sitauzine di tensione e massima allerta, sono aperte da questa mattina alle 8:00 le urne per il voto

L’Italia è fuori dalla recessione. Il PIL torna a crescere

L’Italia è uscita dalla recessione con un’espansione economica dello 0.3% nei primi tre mesi del 2015, comparati con il quadrimestre